Pagina iniziale

Consigli 26.01.2024

<< indietro

Inverno, non sei altro che un villano!

Molti coristi, tra cui forse anche tu, lettore, hanno eseguito questo meraviglioso brano di Claude Debussy (1862-1918), composto su un rondeau di Charles d'Orléans (1394-1465). Per la cronaca :

 

Inverno, sei solo un villano!

L'estate è piacevole e gentile,

A testimonianza di maggio e aprile
Che la accompagnano sera e mattina.

L'estate riveste campi, boschi e fiori,

Con la sua livrea di verde

E di molte altre colorazioni,

Per ordine della Natura.

Ma tu, Inverno, sei troppo pieno

Di neve, vento, pioggia e brina;

Dovrebbero bandirti in esilio.

Senza lusinghe, parlo chiaro,

Inverno, sei solo un villano!"

 

Ebbene sì, il freddo è arrivato, avvolgendo il mondo in una coltre gelida. Con esso arriva anche una minaccia silente per uno dei nostri tesori più preziosi: la voce. Concerti d'Avvento, riti della Vigilia di Natale o messe di mezzanotte, concerti di Capodanno o servizi religiosi, funzioni dell'Epifania... i giorni di gelo possono lasciare impronte indesiderate sulla nostra capacità di cantare, lasciando dietro di sé una sensazione di raucedine o addirittura una dolorosa laringite. E quest'anno sembra essere ostinata: la tosse persiste, come un ritornello ossessivo.

 

Per preservare la dolce melodia della nostra voce, è essenziale adottare misure preventive. Innanzitutto, è fondamentale mantenere il calore corporeo. Avvolgetevi in strati adeguati di vestiti, proteggete il collo con una sciarpa e non esitate a indossare un cappello per tenere la testa al caldo. Quando fa molto freddo, respirare con il naso aiuta a umidificare e riscaldare l'aria prima che raggiunga le corde vocali, riducendo così il rischio d’irritazioni. Un problema a cui le coriste e i coristi non sempre prestano attenzione: si prova in sale ben riscaldate, per due ore si utilizzano al massimo le corde vocali, poi si esce dalla sala e si parla all'aperto, producendo uno shock dannoso intorno alla nostra povera laringe! Tirarsi su la sciarpa davanti alla bocca e al naso non è forse molto elegante, soffoca la fluidità del discorso, ma fornisce una piccola protezione...

Anche l'idratazione ha un ruolo importante nel preservare la voce. Bevete acqua a sufficienza durante il giorno per mantenere le mucose della gola perfettamente idratate. Le bevande calde, come le tisane, possono dare ulteriore sollievo, calmando eventuali irritazioni. Contro la prima sensazione di formicolio, la tisana alla salvia, eventualmente addolcita con miele, ha dimostrato la sua validità.

 

Tuttavia, nonostante tutte le precauzioni prese, a volte il freddo mette a dura prova la nostra voce. Si manifestano raucedine e laringite, che rendono dolorosa ogni parola pronunciata. La voce si spezza, non riesce più ad alzarsi e non ha più brillantezza. In momenti come questi, il riposo vocale diventa imperativo. Evitate di forzare la voce, limitate le conversazioni rumorose e fate pause regolari per permettere alle corde vocali di riprendersi. Se il mal di gola non è di origine virale, andate alle prove, ascoltate, cantate nella vostra testa e basta. Se è di origine virale, siate egoisti e non condividete il vostro dolore!

 

Anche l'uso di rimedi naturali può accelerare il processo di guarigione. I gargarismi con acqua salata possono lenire la gola riducendo l'infiammazione, mentre le inalazioni di vapore possono idratare le vie respiratorie e alleviare la raucedine. Anche le tisane a base di miele e limone possono essere utili, grazie alle loro proprietà calmanti. Si possono aggiungere alcune gocce di oli essenziali appropriati per aiutare a liberare i bronchi.

 

Se i sintomi persistono, è essenziale consultare un professionista della salute. Un medico sarà in grado di valutare la gravità della situazione e di prescrivere dei farmaci adeguati, se necessario.

 

In conclusione, affrontando il freddo con saggezza e adottando abitudini di vita sane, è possibile prevenire i disturbi che minacciano la nostra voce. Se necessario, le giuste cure e attenzioni possono ristabilire rapidamente la dolce armonia delle nostre corde vocali. Cosa facevate durante il periodo di caldo? Cantavate?  Sono molto felice di farlo. Ebbene... ora puoi ballare, è ottimo per riscaldare il corpo!

Thierry Dagon (Übersetzung Isabelle Schmied)